Le Sezioni Unite confermano la competenza del giudice ordinario nelle cause per omessa vigilanza di Consob e Banca d’Italia

Per l’omessa vigilanza della Banca d’Italia decide il giudice ordinario. Con la pronuncia di Cass. civ. Sez. Unite, Ord., 16-11-2020, n. 25953, trova conferma la giurisdizione del giudice ordinario, in luogo di quello amministrativo, nelle controversie aventi ad oggetto la resposnabilità di Bnaca d’Italia per omessa vigilanza.

Continua a leggere “Le Sezioni Unite confermano la competenza del giudice ordinario nelle cause per omessa vigilanza di Consob e Banca d’Italia”

Cancellare il debito pubblico: perché non si può fare

Cancellare buona parte del debito pubblico detenuto dalla Bce con un tratto di penna. Sarebbe bellissimo, se solo la moneta emessa da una banca centrale costituisse un elemento dell’attivo del proprio bilancio. Se funzionasse così, saremmo di fronte a qualcosa di magico. 

Continua a leggere “Cancellare il debito pubblico: perché non si può fare”

Il credito ceduto in blocco è escutibile a prescindere dalla pubblicazione in Gazzetta

Il credito bancario ceduto in blocco è esigibile anche se la pubblicazione in Gazzetta ai sensi dell’art. 58 TUB non sia ancora stata eseguita, potendo risultare sufficiente una notifica ordinaria ai sensi dell’art. 1264 cod. civ. che potrà essere eseguita senza formalità particolari, anche con una semplice intimazione ad adempiere, con il ricorso per ingiunzione o con l’atto di citazione.

Continua a leggere “Il credito ceduto in blocco è escutibile a prescindere dalla pubblicazione in Gazzetta”

La Centrale rischi in abbonamento sul vostro pc

Il 2 ottobre la Banca d’Italia attiverà un nuovo servizio che consente alle imprese di sottoscrivere un abbonamento annuale per ricevere al proprio indirizzo PEC, in automatico e con frequenza mensile, i dati della Centrale dei rischi.

Continua a leggere “La Centrale rischi in abbonamento sul vostro pc”

Le implicazioni fiscali del Recovery package della Ue

Uno studio condotto da Alessandro Giovannini, Sebastian Hauptmeier, Nadine Leiner-Killinger e Vilém Valenta e pubblicato nel vol. 6/2020 del bollettino economico della BCE illustra le enormi potenzialità del Recovery plan approvato dalla Commissione e dal Consiglio Ue, potenzialità che vanno ben oltre le opportunità offerte dall’impiego, di per sé, dei fondi.

Continua a leggere “Le implicazioni fiscali del Recovery package della Ue”

Tutte le massime della pronuncia a Sezioni Unite su usura e interesse di mora

Per la pronuncia di Cassazione civile, Sezioni unite 18 settembre 2020, n. 19597, anche l’interesse di mora può essere assoggettato alla normativa anti usura. Il passaggio chiave della sentenza, quello in cui si afferma che l’interesse di mora non possa essere valutato alla stregua di una clausola penale, ma debba invece venire apprezzato alla luce della legge 108/1996 è, a dire la verità, un po’ apodittico. Alla fine ha vinto la dichiarata esigenza di assicurare un calmieramento uniforme ed uguale sull’intero territorio, e quindi oggettivamente verificabile attraverso il sistema a soglie della legge 108. Di seguito passiamo in rassegna tutte le massime che abbiamo ricavato dalla pronuncia, numerandole e accorpandole in paragrafi tematici che seguono il percorso argomentativo della Corte.

Continua a leggere “Tutte le massime della pronuncia a Sezioni Unite su usura e interesse di mora”

La Fed punterà ad un’inflazione più alta pur di incentivare l’occupazione

Il Federal Open Market Committee (FOMC) della Federal Reserve americana ha annunciato l’approvazione unanimità di rilevanti aggiornamenti della propria politica monetaria. Gli aggiornamenti riflettono i cambiamenti nell’economia dell’ultimo decennio e il modo in cui i responsabili politici stanno tenendo conto di questi cambiamenti nella conduzione della politica monetaria. L’aggiornamento intende anche migliorare la trasparenza, la responsabilità e l’efficacia della politica monetaria.

Continua a leggere “La Fed punterà ad un’inflazione più alta pur di incentivare l’occupazione”

Ammissibile l’insinuazione al passivo con prelazione ipotecaria condizionata al recupero del bene alla massa

Per Cass. civ. Sez. VI – 1, Ord., 14-07-2020, n. 14960 è ammissibile l’insinuazione al passivo del fallimento con il riconoscimento della prelazione ipotecaria anche se solo in via condizionata al recupero effettivo del bene alla massa.

Continua a leggere “Ammissibile l’insinuazione al passivo con prelazione ipotecaria condizionata al recupero del bene alla massa”

Perché le banche chiedono garanzie anche sui prestiti garantiti al 100% dallo Stato

Molte banche stanno chiedendo garanzie aggiuntive (soprattutto garanzie personali) ad imprese che chiedono prestiti assistiti al 100% da garanzia dello Stato.

Continua a leggere “Perché le banche chiedono garanzie anche sui prestiti garantiti al 100% dallo Stato”