Il piano del Governo per il sistema creditizio del Mezzogiorno

Con deliberazione di ieri il Governo ha adottato un decreto legge recante “Misure urgenti per il sistema creditizio del Mezzogiorno e per la realizzazione di una banca di investimento“, decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 294 del 16.12.2019 ed entrato in vigore oggi.

Il decreto prende le mosse dalla considerazione di una straordinaria necessità ed urgenza di prevedere interventi finanziari a sostegno del Mezzogiorno, secondo “logiche, criteri e condizioni di mercato”.

Su queste basi, il governo demanda ad uno o più decreti del Ministro dell’economia e delle finanze  l’assegnazione in favore dell’Agenzia Nazionale per l’attrazione investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. (Invitalia) di contributi in conto capitale, fino all’importo complessivo massimo di 900 milioni di euro per  l’anno  2020, al fine di rafforzare il patrimonio della Banca del Mezzogiorno – Mediocredito Centrale S.p.A., affinchè questa promuova, secondo logiche, criteri e condizioni di mercato, lo sviluppo di attività finanziarie e di investimento, anche a sostegno delle imprese nel Mezzogiorno, da realizzarsi mediante operazioni finanziarie, anche attraverso il ricorso all’acquisizione di partecipazioni al capitale di società bancarie e finanziarie, di norma società per azioni, e nella prospettiva di ulteriori possibili operazioni di nazionalizzazione di tali partecipazioni.

Il decreto pevede poi che Mediocredito possa essere fatta oggetto di scissione scissione con costituzione di una nuova società alla quale saranno assegnate le attività e le partecipazioni acquisite sulla base delle nuove risorse assegnate. Le azioni rappresentative dell’intero capitale di questa newco saranno poi assegnate al MEF.

Insomma, tramite Mediocredito assisteremo alla nascita di un nuco veicolo di nazionalizzazione di imprese bancarie del Mezzogiorno, a partire, probabimente, da Banca Popolare di Bari.

Alla faccia delle condizioni di mercato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: